Ultime recensioni

Corriere della Sera

Isabella Bossi Fedrigotti


Anche Barbabl¨-Enrico VIII aveva un cuore. Poi chiamava il boia

l'UnitÓ

Maril¨ Oliva


Corteggiata e decapitata

Gazzetta di Parma

Francesca Avanzini


Letti per voi - Lettere d'amore

Chi

Nicoletta Sipos


Hit book - Lettere d'amore

L'Arena

Stefano Vicentini


Amoroso e giÓ rude

L'unione sarda

Caterina Pinna


Enrico VIII innamorato

Alias - il manifesto

Viola Papetti


Il retroscena domestico dello scisma

la Repubblica

Nadia Fusini - Enrico VIII


Lettere d'Amore ad Anna Bolena

Enrico VIII Tudor

Enrico VIII Tudor

Lettere d'amore di Enrico VIII ad Anna Bolena


pp. 128 ľ Ç 12

Traduzione e cura di Iolanda Plescia
Con un saggio di Nadia Fusini
Prima edizione ottobre 2013

Formato
ISBN
Prezzo
ed. a stampa
9788865942550
10,20 12,00



Scritte negli anni Venti del sedicesimo secolo e riapparse dopo quasi due secoli in un'edizione a stampa del 1714, le lettere d'amore di Enrico VIII ad Anna Bolena – qui raccolte in italiano per la prima volta – mostrano il lato seduttivo di un sovrano e rappresentano l'aspetto intimo di una crisi politica che sconvolse l'Europa del Cinquecento.
Convintosi ormai che la legittima moglie, Caterina d'Aragona, non poteva offrirgli eredi maschi, Enrico Tudor comincia a corteggiare la damigella della moglie e parimenti a pretendere che la Chiesa di Roma annulli il matrimonio con Caterina. Il conflitto con Roma si concluderà come si sa, con il ripudio di Caterina, lo Scisma anglicano, il matrimonio con Anna. Le vicende che seguiranno poi – il fallimento del secondo matrimonio, le accuse di adulterio e stregoneria, il processo farsa e l’esecuzione della regina – appartengono anch'esse alla storia politica e disegnano un'ombra cupissima su queste missive che, al contrario, mostrano un uomo innamorato e determinato nella passione e un'interlocutrice muta – nessuna lettera d’amore di Anna è sopravvissuta al tempo – ma che appare sapiente nel dosare concessioni e ritrosie, vicinanze e separazioni.
Scritte dapprima in francese, la lingua della seduzione, e poi in inglese, un inglese diretto ed essenziale, così come diretto ed essenziale è il sentimento del re, le lettere, pur rispettando le convenzioni della corrispondenza amorosa dell'epoca, hanno una loro forza di convincimento interna tutt'altro che flebile. Offrono l'immagine di un potente sinceramente succube della passione anche se, qua e là, spuntano mal celati altri demoni: la ragion di Stato e il pensiero politico di un re determinato a ribadire il suo ruolo nel sistema di potere dell'Europa rinascimentale.

Enrico VIII Tudor

Enrico VIII Tudor fu re d'Inghilterra dal 1509 fino alla morte, nel 1547. Poco dopo l'ascesa al trono sposa Caterina d'Aragona. La regina viene presto ripudiata da Enrico per non avergli dato eredi maschi. La richiesta al papa di annullare il matrimonio con Caterina per poter sposare Anna Bolena è all'origine dello Scisma della Chiesa anglicana da quella di Roma. Ma la sorte di Anna sarà tragica: neanche lei riesce a dare al re un erede maschio, ne perde i favori e finisce accusata di stregoneria e condannata a morte. Ad Anna Bolena seguiranno altre quattro mogli.

Video e News