• Mathias Énard

    Breviario per aspiranti terroristi

    pp. 96

    11,90

    Traduzione di Alice Volpi
    Illustrazioni di Pierre Marquès

    Prima edizione settembre 2009

    Formato
    ISBN
    Prezzo
    14,00 11,90

    Un attentato che si rispetti deve avere un fine e una religione. Ci vuole perseveranza, sacrificio. E un’esplosione. Bisogna poi colmare il vuoto che segue. Terrorismo e cospirazione non sono per chiunque. Ad insegnarci quest’arte è Virgilio, negro buono e gentile, a sua volta istruito ai supremi artifici da un maestro-padrone severo e gaudente, in dieci comode lezioni illustrate.
    Con un abile sovvertimento di premesse e implicazioni dove l’unico fine appare la soddisfazione del proprio compiacimento, Mathias Énard dispiega con colta provocazione, muovendosi tra Voltaire e Swift, rovesciando Defoe, una proposta di terrorismo elitario che ha lo scopo di svegliare le menti dall’abbrutimento e dalla consuetudine. Meglio consegnare la propria “opera” all’eternità o cercare quei quindici minuti di celebrità cari a Warhol?
    Un libro allegorico e diverso da prendere alla lettera, un pamphlet contro il razionalismo occidentale e l’integralismo islamico che strappa un sorriso inquieto.

  • Mathias Énard

    Mathias Énard, scrittore, traduttore, specialista di cultura araba e persiana, è nato a Niort, in Francia, nel 1972 e vive a Barcellona. In Italia sono stati pubblicati: Zona (Rizzoli, 2011), Parlami di battaglie, di re e di elefanti (Rizzoli, 2013), Via dei ladri (Rizzoli, 2014), Bussola (edizioni e/o, 2016), L'alcol e la nostalgia (edizioni e/o, 2017). Pluripremiato in patria e all'estero, ha vinto il Prix Décembre, il Prix du Livre Inter e il Prix Candide per Zona, e il Premio Goncourt per Bussola, che ha ricevuto in Italia anche il Premio Gregor Von Rezzori.