• Michael Dahlie

    Guida per gentiluomini all’arte di vivere con eleganza

    pp. 288

    6,797,65

    Traduzione di Marco Bertoli

    Prima edizione aprile 2013

    Vincitore Pen/Hemingway Award 2009
    Vincitore Whiting Writers’ Award 2010

    Formato
    ISBN
    Prezzo
    9,00 7,65
    Acquista
    7,99 6,79
    Acquista

    La vita di Arthur Camden è allo sbando. La moglie lo ha lasciato, l’azienda di famiglia è fallita sotto la sua guida. Per rimediare alla collezione di disfatte, Arthur tenta di dare una svolta alla propria esistenza, ma con risultati grotteschi. Corteggia goffamente donne che non hanno nessun interesse per lui, dà fuoco all’esclusivo club di pesca alla mosca fondato dal nonno, rischia la prigione durante un viaggio in Francia. Ad ogni passo si copre di disonore e di vergogna. Ma proprio quando Arthur ha raggiunto l’abisso della disperazione, una donna allegra ed eccentrica, un weekend nel Maine e la telefonata di un amico lo aiuteranno a comprendere che le norme della convivenza non valgono allo stesso modo per tutti.
    Michael Dahlie trascina il lettore nelle rocambolesche vicende di un uomo calato per diritto di stirpe in un mondo le cui regole gli sono istintivamente estranee. Una divertente, moderna commedia goldoniana in salsa newyorchese.

    Intelligente e pieno di sorprese, ricorda La versione di Barney”.

    Rolling Stone

    Se avete la sensazione che la vostra vita si sia imbizzarrita e vi si stia rivoltando contro, questo è il libro per voi”.

    la Repubblica

    Godibilissimo e graffiante”.

    Tuttolibri

    Non si può non tifare per questo maschio inetto ma irresistibile, per la strenua remissività con cui accetta il destino, di cui è passivamente complice”.

    Corriere della Sera

  • Michael Dahlie

    Michael Dahlie vive a Indianapolis, dove insegna alla Butler University. Ha pubblicato racconti su numerose riviste, come Harper’s, Ploughshares e Tin House. Guida per gentiluomini all’arte di vivere con eleganza, suo esordio, ha conquistato lettori e critica, vincendo il Pen/Hemingway Award e il Whiting Writers’ Award.