• Eric Newby

    L’ultima regata del grano

    pp. 288

    Traduzione di Giovanni Giri

    Prima edizione giugno 2009
    ISBN:
    Prezzo:
    Prezzo scontato:

    Alla vigilia della Seconda guerra mondiale il diciottenne Eric Newby stufo del suo lavoro d&rsquo ufficio in un&rsquo agenzia pubblicitaria decide di imbarcarsi come apprendista a bordo del Moshulu un brigantino a quattro alberi adibito all&rsquo importazione del grano australiano. Il Moshulu faceva rotta alla volta dell&rsquo Australia passando per il capo di Buona Speranza e rientrava in Europa attraverso capo Horn con un carico di cereali. Ogni anno una dozzina di navi gareggiavano tra loro per realizzare il viaggio nel più breve tempo possibile e spuntare i prezzi migliori (di qui la &lsquo regata del grano&rsquo ).
    A bordo Newby si trova a condividere le fatiche quotidiane di un difficile apprendistato con un equipaggio formato quasi per intero da marinai finlandesi individui spesso bizzarri ostici e litigiosi. Le difficoltà di comunicazione il cibo immangiabile le invasioni notturne di cimici fanno da sfondo a quello che diventerà un vero e proprio viaggio d&rsquo iniziazione tra violente tempeste incontri sorprendenti zuffe trionfi sofferti e record mancati.
    Una straordinaria avventura senza tempo un racconto traboccante di ironia e ricco di descrizioni e dettagli tecnici che affascinerà irresistibilmente ogni amante della letteratura di mare.

    Recensioni

    Ancora non ci sono recensioni.

    Recensisci per primo “L’ultima regata del grano”

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Eric Newby

    Eric Newby (1919-2006) è stato uno dei maggiori scrittori britannici di letteratura di viaggio. Tra i suoi libri – più di venti, scritti tra il 1956 e il 1999 – alcuni sono diventati dei classici del genere come A Short Walk in the Hindu Kush (1958) e Slowly Down the Ganges (1966). In Love and War in the Apennines, del 1983, Newby rievoca la sua esperienza in Italia negli anni della Seconda guerra mondiale, quando fu prigioniero nei pressi di Parma e poi, dopo l'armistizio e la fuga, fu aiutato a nascondersi da una famiglia dell'Appennino emiliano. L'ultima regata del grano fu la sua opera d'esordio.