• Tina De Rosa

    Pesci di carta

    pp. 240

    13,60

    Traduzione e note di Laura Giacalone
    Prefazione di Caterina Romeo
    Postfazione di Edvige Giunta

    Prima edizione ottobre 2007

    Formato
    ISBN
    Prezzo
    16,00 13,60
    Acquista

    Ambientato nei sobborghi del West Side di Chicago Pesci di carta racconta la vita di una famiglia di immigrati di origine italiana nell’America degli anni Quaranta e Cinquanta. L’esperienza individuale dei BellaCasa diviene rappresentativa di un’esperienza collettiva e ritrae le difficoltà degli immigrati italiani e la progressiva assimilazione delle generazioni successive.
    Lontano dai cliché di genere e dalle atmosfere alla Padrino il mondo ormai scomparso della Little Italy americana è rievocato attraverso grandi e inimitabili personaggi il cui eroismo – come scrive Edvige Giunta nel saggio “Una canzone dal ghetto” che accompagna questa edizione – risiede in una silenziosa tragica umanità. Dalla piccola Carmolina alla nonna Doria cantastorie di un passato dai contorni mitici tutti i personaggi che popolano questo libro sono figure umili dimesse spesso taciturne sempre dotate di una straordinaria dignità lacerate dalla contraddizione fra i valori della tradizione e le consuetudini disumane della realtà urbana del Nuovo Mondo.
    È la voce degli immigrati che parla in Pesci di carta una voce che per lungo tempo è rimasta muta o è stata messa a tacere e che in questo romanzo di Tina De Rosa considerato a giusto titolo una pietra miliare nella storia della letteratura e della cultura italoamericana diviene non soltanto complessa ed eloquente ma rappresentativa e poetica.

  • Tina De Rosa

    Vincitrice di numerosi premi letterari e autrice di romanzi, saggi e biografie, Tina De Rosa (1944-2007) è nata e cresciuta nella Little Italy di Chicago. Con Pesci di carta, pubblicato per la prima volta nel 1980, si è imposta definitivamente all’attenzione della critica, che l’ha consacrata fra i classici della letteratura femminile italoamericana, premiando il suo lavoro con importanti riconoscimenti fra cui l’Illinois Arts Council Literary Award e il Jaffe Foundation Award.