• Janine Pommy Vega

    Sulle tracce del serpente

    pp. 224

    13,60

    Traduzione di Elvira Grassi

    Prima edizione giugno 2007

    Formato
    ISBN
    Prezzo
    16,00 13,60
    Acquista

    Una raccolta di scritti di viaggio che ha la forza e l&rsquo immediatezza di un romanzo. Gli anni dall&rsquo adolescenza alla maturità di una delle maggiori figure femminili della letteratura beat tra letteratura viaggi amore sesso occasionale droghe e filosofie orientali. Un itinerario che parte da lontano quando a soli sedici anni Janine Pommy Vega lascia la famiglia e il New Jersey e si trasferisce a New York affascinata dal fermento e dalla carica sovversiva della Beat Generation. Sposa il pittore Fernando Vega e con lui vive tra Israele Parigi e Ibiza conducendo un&rsquo esistenza sregolata on the road sospesa tra appagamento e insoddisfazione droga alcol e reading di poesia. Dopo la morte del marito continua da sola il proprio viaggio dapprima in Europa verso i luoghi legati al culto della Grande Madre poi in Amazzonia in Perù e in Nepal.
    Pubblicato nel 1997 dalla City Lights Books di Lawrence Ferlinghetti e ora tradotto per la prima volta in italiano Sulle tracce del serpente è la storia di un percorso di purificazione l&rsquo iniziazione al mondo dell&rsquo interiorità scandito da riflessioni intime e da considerazioni sulla cultura sulla poesia sull&rsquo autonomia dello spirito femminile. Ma è anche il racconto della quotidianità e la descrizione dei paesaggi la vita nella giungla amazzonica la scoperta dell&rsquo energia sessuale della natura la cerimonia dell&rsquo ayahuasca la faticosa scalata della Cordillera Blanca. Con uno stile vicino al ritmo e alla musicalità della poesia Janine Pommy Vega ricostruisce le sensazioni gli ambienti gli incontri gli eccessi in un&rsquo opera in cui viaggio e letteratura si fondono in un unico respiro.

  • Janine Pommy Vega

    Janine Pommy Vega nasce nel 1942 a Union City, New Jersey. In gioventù frequenta Gregory Corso, Allen Ginsberg e Jack Kerouac. Dopo la morte del marito, Fernando Vega, torna negli Stati Uniti dall’Europa e a San Francisco frequenta i Diggers, gli Hells Angels e gli scrittori di North Beach, tra cui Lenore Kandel. Nel 1971 parte per il Sud America. Durante un soggiorno all’Isola del Sole nel Lago Titicaca termina Journal of a Hermit e Morning Passage. Tornata a New York nel 1975, insegna poesia nelle scuole pubbliche e nelle carceri. Attualmente vive nelle Catskill Mountains ed è impegnata, insieme a Hettie Jones, nella promozione della letteratura nelle prigioni. Tra le altre sue opere figurano le raccolte di poesie Poems to Fernando, Drunk on a Glacier Talking to Flies, Mad Dogs of Trieste e The Green Piano.