• Una figlia di Iside

    La memoria e le parole sono le armi che Nawal El Saadawi utilizza per ribellarsi a una società in cui la nascita di una femmina equivale a una sventura. Una società in cui l&#39 interpretazione del Corano è monopolio degli uomini in cui le bambine subiscono la clitoridectomia sono costrette a sposarsi in tenera età e sono educate a servire gli uomini in silenzio. Una figlia di Iside è il racconto dell&#39 infanzia e della gioventù della femminista più famosa nel mondo islamico. Una testimonianza appassionata la storia di un&#39 emancipazione possibile.
    A causa delle sue battaglie contro l&#39 oppressione delle donne arabe Nawal El Saadawi è stata cacciata dal Ministero della Sanità e ha subito la persecuzione delle autorità religiose. Arrestata nel 1981 è stata rilasciata solo dopo l&#39 assassinio di Sadat. A metà degli anni Novanta è stata costretta all&#39 esilio perché il suo nome è apparso nella lista della morte di un gruppo fondamentalista. L&#39 ultima persecuzione nel 2001 quando solo una grande mobilitazione internazionale l&#39 ha salvata da un processo per apostasia e da un&#39 incredibile condanna al divorzio coatto chiesto contro la volontà sua e di suo marito da un avvocato integralista.

    “Questo libro coraggioso ci parla di una civiltà in cui le donne sono considerate una sfortuna in famiglia subiscono la clitoridectomia sono obbligate a sposarsi bambine. Un libro che tutti dovremmo leggere”.
    Doris Lessing

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Video, notizie e appuntamenti

    • Una donna forte
      Nutrimenti saluta e rende omaggio a Nawal El Saadawi, una donna coraggiosa, tenace, consapevole che le armi della conoscenza e della scrittura sono le più efficaci contro l’ottusità della discriminazione. Nawal ha vissuto una vita intera per affermare i diritti delle donne in uno dei contesti più difficili del mondo, quell’Egitto in cui, ricorda lei … Una donna forte