• Gregorio Catalano

    Ne vale la pena

    Gorgona, una storia di detenzione, lavoro e riscatto

    pp. 192

    5,1013,60

    Prima edizione settembre 2013

    Formato
    ISBN
    Prezzo
    16,00 13,60
    Acquista
    5,99 5,10
    Acquista

    Gorgona, l’isola più piccola e più verde dell’Arcipelago toscano, per molti anni è stata lo scenario naturale di un’esperienza carceraria unica, che ha reso i detenuti protagonisti con il lavoro e la possibilità di un reinserimento effettivo, in un contesto di ‘libertà’ e nel rispetto della Costituzione.
    In quei due chilometri quadrati a diciotto miglia marine dalla costa, il direttore Carlo Mazzerbo è riuscito ad applicare l’articolo 27: “Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”. Dettato disatteso in molti istituti di pena, nonostante le sentenze della Corte di Strasburgo e le ripetute denunce del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.
    Mazzerbo racconta come sia riuscito a far rompere ai detenuti l’emarginazione con la pesca, l’acquacoltura, l’agricoltura e l’allevamento, favorendo attività economiche e legami impensabili. Poliziotti e reclusi hanno studiato insieme per la licenza media, hanno formato una band musicale e un armo di canottaggio. Una vicenda di successi esaltanti, ma anche di cocenti sconfitte, culminate in due delitti che hanno portato al ridimensionamento il ‘laboratorio Gorgona’.

  • Gregorio Catalano

    Gregorio Catalano, giornalista, ha lavorato per Paese Sera, L'Occhio, La Gazzetta dello Sport, Il Messaggero e il Corriere della Sera.