Valentin Gendrot

Sbirro

- 5%

Valentin Gendrot

Sbirro

224 pagine

Prima edizione maggio 2021
Traduzione dal francese di Annalisa Romani

In copertina: © 2019 Valandscapes/Shutterstock

ISBN: 9788865947593

La testimonianza del giornalista che è riuscito a infiltrarsi nella polizia francese. Il racconto senza filtri della vita quotidiana di un flic: il razzismo, i pestaggi, il linguaggio sessista e omofobo, ma anche il degrado di una professione che ha il più alto tasso di suicidi in Francia. Un libro-inchiesta che ha scalato le classifiche e su cui ancora infuriano le polemiche.

“La cosa che mi stupisce di più è quanto si sentano intoccabili. Come se non ci fosse nessuna sorveglianza da parte della gerarchia. Come se un poliziotto potesse scegliere, in base al proprio arbitrio e all’umore del momento, se essere violento o meno”.

8,9916,15

Acquista ora e ricevi entro il 31/05
La testimonianza del giornalista che è riuscito a infiltrarsi nella polizia francese. Il racconto senza filtri della vita quotidiana di un flic: il razzismo, i pestaggi, il linguaggio sessista e omofobo, ma anche il degrado di una professione che ha il più alto tasso di suicidi in Francia. Un libro-inchiesta che ha scalato le classifiche e su cui ancora infuriano le polemiche. “La cosa che mi stupisce di più è quanto si sentano intoccabili. Come se non ci fosse nessuna sorveglianza da parte della gerarchia. Come se un poliziotto potesse scegliere, in base al proprio arbitrio e all’umore del momento, se essere violento o meno”.

Nessuno prima di lui era mai riuscito a infiltrarsi nella polizia senza farsi scoprire. Quando decide di provarci, Valentin Gendrot ha già alle spalle sei infiltrazioni, ma questa si preannuncia come la più ambiziosa e difficile di tutte. Frequenta la Scuola nazionale di polizia di Saint-Malo e, dopo poco più di un anno, ottiene la destinazione desiderata: il commissariato del Diciannovesimo arrondissement, uno dei più sensibili di Parigi. Qui passa sei mesi a fare il piantone all’ingresso, a sorvegliare le celle, o di pattuglia per le strade della città. Diventa testimone e, suo malgrado, anche protagonista: confessa di sentire lo sbirro che si infiltra in lui, la situazione che gli sta sfuggendo di mano.
La sua testimonianza diretta, raccolta in questo libro, descrive una quotidianità in cui alla frustrazione per le condizioni di lavoro e l’indifferenza delle gerarchie (e al più alto tasso di suicidi tra tutte le professioni in Francia) si accompagna un triste teatro giornaliero di abusi, insulti, minacce, machismo, e soprattutto un diffuso razzismo che sfocia spesso in violenza e pestaggi. Alla sua uscita, Sbirro ha provocato un acceso dibattito sui giornali e le televisioni, a cui è seguita anche un’inchiesta giudiziaria per fare luce sui fatti raccontati nel libro. Il tema della violenza della polizia, da cui la Francia era stata già scossa ai tempi delle manifestazioni dei gilet gialli, è nuovamente divampato ed è tuttora oggetto di discussione sui media.

 

Valentin Gendrot

Valentin Gendrot è un giornalista specializzato in infiltrazioni. È stato operaio in una fabbrica di cioccolato e in una di automobili, impiegato in un call-center, venditore porta a porta, responsabile del recupero crediti per una società di prestiti. Ha raccontato queste esperienze nel libro Les Enchaînés. Un an avec des travailleurs précaires et sous-payés, pubblicato con lo pseudonimo di Thomas Morel. Nel 2017, poco prima di infiltrarsi in polizia, si è fatto assumere come magazziniere in una nota catena di supermercati per testimoniare, grazie a una telecamera nascosta, le tecniche disumanizzanti adottate nei confronti del personale. Il documentario è stato trasmesso da Cash investigation, il più importante programma televisivo francese di inchieste, ed è ancora il reportage con maggior audience nella storia della trasmissione.