Aldo Carpi

Il tuo nome è Eric

- 5%

Aldo Carpi

Il tuo nome è Eric

112 pagine

Prima edizione ottobre 2015

ISBN: 9788865944202

Le lettere scritte tra il 1941 e il 1944 dal pittore Aldo Carpi alla sua modella e musa, Federica Mylius. Un prezioso carteggio, di cui si riproducono integralmente ventitré lettere illustrate, che rivela un aspetto inedito dell’artista milanese ed è testimonianza singolare di un drammatico passaggio storico.

13,30

Acquista ora e ricevi entro il 29/05
Le lettere scritte tra il 1941 e il 1944 dal pittore Aldo Carpi alla sua modella e musa, Federica Mylius. Un prezioso carteggio, di cui si riproducono integralmente ventitré lettere illustrate, che rivela un aspetto inedito dell'artista milanese ed è testimonianza singolare di un drammatico passaggio storico.

Cinquecento fogli manoscritti del pittore milanese Aldo Carpi, tra il giugno 1941 e i primi giorni del 1944 – solo di recente emersi tra le carte d’archivio –, aprono nuove prospettive su un momento d’ombra della vita e dell’opera dell’artista, tra il successo e i ruoli istituzionali degli anni Trenta e la deportazione nel campo di concentramento di Gusen.
La registrazione poetica degli incontri con la giovane allieva Federica Mylius, musa e sostegno in anni di progressivo isolamento del pittore, rispecchia un’intera epoca storica. Ventitré lettere illustrate – integralmente riprodotte nel libro – permettono di entrare nello studio di Carpi a Brera durante le pose della giovane, mostrando l’idillio nel quale nascono le controfigure ideali di Eric (una sorta di sintesi di Federica) e il Centauro, che troverà eco nella coeva pittura di Carpi così come nell’unica riflessione teorica del pittore, le Divagazioni del Sileno.
Con la registrazione degli incontri si attraversano anche gli eventi storici – i bombardamenti su Milano dell’agosto 1943, la resa di Badoglio – filtrati attraverso l’intima riflessione creativa di un artista che coglieva il momento d’isolamento e difficoltà come un’occasione di rinnovamento creativo e vitale.

Aldo Carpi

Aldo Carpi (1886-1973) è stato pittore, per un trentennio docente di pittura all’Accademia di Brera, che diresse dal 1945 al 1958. Tra le sue opere spicca il ciclo delle Maschere, una quarantina tra dipinti e disegni eseguiti tra il 1914 e il 1944, e la realizzazione delle vetrate del Duomo di Milano e di altre chiese milanesi. Durante la Seconda guerra mondiale fu deportato nel campo di Mauthausen-Gusen: da quella tragica esperienza nacque il Diario di Gusen, edito nel 1971 da Garzanti e più volte ripubblicato (l’ultima per Einaudi nel 2008).