Mario Tronti

Il popolo perduto

- 5%

Mario Tronti

Il popolo perduto

144 pagine

Prima edizione febbraio 2019

In copertina: Franco Angeli, 'Corteo', 1968

ISBN: 9788865946435

Quali gli errori del passato e quali le prospettive per il futuro? Il padre dell’operaismo, Mario Tronti, analizza le ragioni che hanno portato la sinistra a perdere buona parte del suo popolo. Riflette su cosa sarebbe necessario – tornando a parlare di lavoro, di bisogni, di sicurezza, di stato sociale – per restituire senso, riconoscibilità e forza alla parola sinistra. Sottolinea l’importanza della ‘libertà di pensare’, in un tempo in cui l’individualismo dominante, la personalizzazione, l’epidemia dell’antipolitica, la politica come evento mediatico e il peso della finanza globale rischiano di rendere ‘falsa’ la democrazia.

13,30

Acquista ora e ricevi entro il 26/05
Quali gli errori del passato e quali le prospettive per il futuro? Il padre dell’operaismo, Mario Tronti, analizza le ragioni che hanno portato la sinistra a perdere buona parte del suo popolo. Riflette su cosa sarebbe necessario – tornando a parlare di lavoro, di bisogni, di sicurezza, di stato sociale – per restituire senso, riconoscibilità e forza alla parola sinistra. Sottolinea l’importanza della ‘libertà di pensare’, in un tempo in cui l’individualismo dominante, la personalizzazione, l’epidemia dell’antipolitica, la politica come evento mediatico e il peso della finanza globale rischiano di rendere ‘falsa’ la democrazia.

Mario Tronti, filosofo e politico, tra i più illustri teorici dell’operaismo, padre dell’autonomia del politico, si sofferma in questo libro-intervista, insieme al giornalista Andrea Bianchi, sulla deriva e sui fallimenti della sinistra, non solo italiana, e su come riprendere il cammino in un mondo radicalmente diverso rispetto a quello del Novecento.
Sul banco degli imputati, la cosiddetta sinistra nel suo complesso, con un particolare carico di responsabilità assegnato a quella di derivazione comunista. La sinistra che in questi ultimi decenni si è interessata quasi esclusivamente di diritti e ha trascurato i bisogni: lavoro, sicurezza, stato sociale, redditi perduti… Quante volte si nomina la parola cittadini e quante la parola lavoratori? In questa sproporzione c’è la distorsione della realtà. E ancora: quante mobilitazioni di piazza si sono fatte su rivendicazioni umanitarie e quante sul flagello delle morti sul lavoro? La scarsa attenzione a domande di questo tipo ha provocato la perdita di milioni di voti e, fatto ancora più grave, il rischio di estinzione di un intero popolo.
Per ricominciare a camminare va combattuto il virus dell’antipolitica iniettato ad arte dall’alto nelle vene dove scorre il basso del sociale, occorre rovesciare la gerarchia tra il civile e il sociale, mandare in soffitta il pensiero debole che ha prodotto il fallimento democratico-progressista. E soprattutto non credere che sia vera la falsa notizia che non c’è più lo sfruttamento del lavoro.

Ne parlano

Radio Intervista
Andrea Bianchi
Il popolo perduto

Il manifesto
Mario Tronti
La mappa del disorientamento

L'Espresso
Carmine Fotia
Questo governo è un suicidio

La Repubblica
Concetto Vecchio
La sinistra dei benestanti ha perduto il suo popolo

Avvenire
Francesco Ognibene
Così la sinistra si è perduta il popolo

Panorama
Marcello Veneziani
Vogliamo maestri, non influencer

Huff Post
Goffredo Bettini
Il lamento di dolore per un popolo che non c'è più

Il Fatto Quotidiano
Marco Palombi
Tornare a Machiavelli per capire la crisi

La Stampa
Fabio Martini
Così la sinistra ha smarrito la sua missione

Libero
Antonio Socci
La sinistra scopre che servono le radici cristiane

L'Osservatore Romano
Luisa Borghesi
Alla ricerca del popolo perduto

Il Fatto Quotidiano
Marco Palombi
Il problema è l’ antropologia

MicroMega
Pierfranco Pellizzetti
Mario Tronti, l’irriducibile tra Togliatti e Ratzinger

Il Sole 24 Ore
Lina Palmerini
È tempo di gara, non di patti

Blow up
Giovanni Vacca
Mario Tronti, Il popolo perduto

Il Fatto Quotidiano
Daniela Ranieri
La sinistra ignara del suo popolo

Democratica
Mario Tronti
Sinistra, che fare? Lampi di cultura politica

FQ
Silvia Truzzi
Fermo post Pd: cento parole per dire "sinistra"

YTALI
Alberto Madricardo
‘ Il popolo perduto’ . Un libro contro il ’ 68

Il manifesto
Derby Renzi-Letta, Tronti e Provenzano

Internazionale
Il popolo perduto, Mario Tronti

Il Venerdì
Il popolo perduto, di Mario Tronti

Il Quotidiano del Sud
La Sinistra tra errori e fallimenti

Kataweb
BRANKO, HOUELLEBECQ, CORONA: E MARIO TRONTI

Mario Tronti

Mario Tronti, filosofo e politico, è stato tra i fondatori dell’operaismo italiano negli anni Sessanta, poi docente all’Università di Siena, dirigente del Partito comunista, senatore per due legislature, presidente del Centro per la Riforma dello Stato dal 2004 al 2014. Fra le sue opere più note: Operai e capitale (1966), Sull’autonomia del politico (1977), Con le spalle al futuro (1992), La politica al tramonto (1998), Dello spirito libero (2015), Il demone della politica. Antologia di scritti 1958-2015 (2017).