Mario Tedeschini Lalli

Nazisti a Cinecittà

- 5%

Mario Tedeschini Lalli

Nazisti a Cinecittà

320 pagine

Prima edizione aprile 2022

In copertina: 'Una vita difficile' 1961, Lina Volonghi, Alberto Sordi, Borante Domizlaff (fermo immagine realizzato dall’autore)

ISBN: 9788865948927

Dalle Fosse Ardeatine a Cinecittà. Borante Domizlaff e Karl Hass, due degli ufficiali che spararono agli ordini di Kappler nella feroce rappresaglia del 24 marzo 1944, finirono per vestire dopo la guerra la divisa nazista in alcune delle più importanti pellicole del cinema italiano del dopoguerra. Da Una vita difficile di Dino Risi, a La caduta degli dei di Luchino Visconti.
Una vicenda incredibile scoperta quasi per caso e raccontata grazie a una lunga e meticolosa ricerca tra archivi, cineteche, documenti ufficiali, interviste private e web.

8,9916,15

Acquista ora e ricevi entro il 31/05
Dalle Fosse Ardeatine a Cinecittà. Borante Domizlaff e Karl Hass, due degli ufficiali che spararono agli ordini di Kappler nella feroce rappresaglia del 24 marzo 1944, finirono per vestire dopo la guerra la divisa nazista in alcune delle più importanti pellicole del cinema italiano del dopoguerra. Da Una vita difficile di Dino Risi, a La caduta degli dei di Luchino Visconti. Una vicenda incredibile scoperta quasi per caso e raccontata grazie a una lunga e meticolosa ricerca tra archivi, cineteche, documenti ufficiali, interviste private e web.

Dalle Fosse Ardeatine a Cinecittà, dalla divisa nazista indossata per uccidere alla divisa nazista indossata per fare cinema. Borante Domizlaff e Karl Hass, due ufficiali delle SS che il 24 marzo 1944 spararono agli ordini di Herbert Kappler, riappaiono, con altri ex ufficiali tedeschi, nella produzione di alcuni dei più celebri film italiani del dopoguerra. Il primo, assolto nel 1948, resterà negli anni fedele a Kappler, aiutandolo nella fuga dall’Italia nel 1977. Il secondo, sfuggito al primo processo arruolandosi nei servizi segreti americani e italiani, sarà raggiunto dalla giustizia solo cinquant’anni dopo e condannato all’ergastolo. Nel frattempo, fra gli anni Cinquanta e Sessanta, tutti e due sbarcarono il lunario anche intrepretando ‘sé stessi’, in parti da militare tedesco, in film come Una vita difficile di Dino Risi, La ciociara di Vittorio De Sica, Tutti a casa di Luigi Comencini, La caduta degli dei di Luchino Visconti. E non furono soli.
Nazisti a Cinecittà nasce da una scoperta casuale che ha dato il via a una lunga ricerca tra carte di servizi segreti, cineteche, archivi privati e interviste a famigliari. Un racconto che a tratti si tinge di giallo, una finestra su una realtà paradossalmente ‘normale’ dell’Italia del dopoguerra: il ‘nazista della porta accanto’ tornava utile per raccontare il nazismo.

 

Ne parlano

La Stampa
Steve Della Casa
L’ ufficiale delle SS non si è mai pentito e fa il nazista nei film con Alberto Sordi

Corriere della Sera
Alessandro Chetta
Quel nazista sul set del film di Scavarda, il regista partigiano

Il Foglio
Giulio Silvano
Ufficiali SS mai pentiti che si riscoprono attori, nel ruolo di nazisti

Il Venerdì
Alberto Riva
Roma città aperta ai nazisti

La Repubblica
Marco Belpoliti
Gli ufficiali nazisti che si nascosero nei film italiani

Il Mattino
Nicolò Menniti-Ippolito
Ciak a Cinecittà: così i nazisti si nascosero mostrandosi in divisa sul grande schermo

L'Espresso
Sabina Minardi
Bookmarks

Internazionale
Michael Braun
Italieni

Quotidiano del Sud
Domenico Nunnari
Resistenti e nazisti

Il posto delle parole
Livio Partiti
Mario Tedeschini Lalli, "Nazisti a Cinecittà"

La politica del popolo
Paolo Palladino
Gli ufficiali nazisti che lavorano nei set di Cinecittà, il libro di Mario Tedeschini Lalli

Tiscali
Cristiano Sanna Martini
prima massacrarono gli italiani, poi finirono a recitare con Sordi e De Sica: scoperti i Nazisti di Cinecittà

Cinecittà News
Lorenzo Codelli
‘ Nazisti a Cinecittà’ nel libro di Mario Tedeschini Lalli

Messaggero Veneto
Niccolò Menniti-Ippolito
Borante Domizlaff, un nazista a Cinecittà. Storia vera che si legge come un romanzo

Patria indipendente
Giacomo Verri
Quando la Ratline passò per il cinema italiano

Giornale di Brescia
“ Quegli ufficiali hitleriani che tornarono a vestire la divisa per film italiani

Dagospia
Gli americani prendevano i nazisti per farli lavorare alla NASA, noi a Cinecittà

Varese News
L'incredibile storia dei nazisti che "si nascosero" nei film a Cinecittà

Mario Tedeschini Lalli

Da giornalista si è occupato a lungo di Relazioni internazionali, poi per oltre vent’anni d’informazione digitale e multimediale, guidando redazioni e insegnando nelle scuole di Giornalismo e nell’Università. Storico contemporaneista di formazione, autore di saggi sui rapporti tra fascismo e mondo arabo e sugli anni italiani di Saul Steinberg, è affascinato dalle piccole storie che raccontano la grande Storia, è stato per esempio lui a scoprire l’identità dei veri giornalisti presenti in un film di culto come Vacanze romane, e della ragazza nella foto simbolo di Federico Patellani per la vittoria della Repubblica nel referendum del 1946. Ha scritto, con Pietro Del Re, In viaggio con Poirot (Minotauro, 1995), guida ai luoghi dei romanzi di Agatha Christie.