Arturo Belluardo

Calafiore

- 5%

Arturo Belluardo

Calafiore

208 pagine

Prima edizione aprile 2019

In copertina: Elaborazione grafica di un'illustrazione di Mario Sironi

ISBN: 9788865946572

Innumerevoli e pietosi tentativi di dimagrire, tutti fallimentari, sospingono l’obeso Calafiore nella sua scalata alla sconfitta, alla fine della quale perde amore, lavoro e casa. Cerca il riscatto solo quando due giovani angeli della morte lo rapiscono per divorarlo in diretta web. Una brillante e provocatoria parodia per ripensare il nostro rapporto con il cibo e i suoi lati oscuri.

8,9916,15

Acquista ora e ricevi entro il 29/05
Innumerevoli e pietosi tentativi di dimagrire, tutti fallimentari, sospingono l’obeso Calafiore nella sua scalata alla sconfitta, alla fine della quale perde amore, lavoro e casa. Cerca il riscatto solo quando due giovani angeli della morte lo rapiscono per divorarlo in diretta web. Una brillante e provocatoria parodia per ripensare il nostro rapporto con il cibo e i suoi lati oscuri.

Calafiore è un archivista bancario quarantanovenne. Obeso dai tempi dell’università e insoddisfatto del suo lavoro, trascorre l’esi­stenza accettando passivamente gli eventi finché un giorno, da vittima predestinata, perde tutto: la sua compagna, la figlia, la casa, il lavoro. Quello che dava un senso alla sua vita. E così si abbandona ossessivamente a ciò che gli rimane, un’incontenibile fame. La sua, poi, non è neanche fame: è un atroce desiderio di sapore, manifestazione primaria della sua totale incapacità di saziare altri vuoti, ben diversi da quelli gastrici.
‘Mangia per non essere mangiato’ dunque, un mantra condiviso anche da Marta e Federico, fidanzati poco più che ventenni, diventati cannibali quasi per caso e, da quel momento, socialmente impegnati a scalare la piramide alimentare per rovesciarne il sistema di potere. L’ambizioso progetto però è destinato a vacillare quando Calafiore, rapito dai due ragazzi, decide coraggiosamente di raccontare la sua storia appena prima che questi comincino a banchettare con il suo adipe.
In una sequela di episodi esilaranti e di patetici tentativi di dimagrire, il tragico si fonde con il comico, il pulp fa la sua parte, e tutto l’insieme invita a riflettere sul nostro difficile rapporto con il cibo in una parodia più che verosimile del gigantesco ingranaggio finanziario che trasforma, a loro volta, i consumatori in un enorme pasto.

Ne parlano

Il Fatto Quotidiano
Vins Gallico
Non tutti i ciccioni vengono per nuocere

Il manifesto
Giulia Caminito
Quando un corpo ripugnante…

La Stampa
Angelo Guglielmi
Il bancario obeso vuol dimagrire per amore

La Repubblica
Stefano Jossa
Calafiore, la grande abbuffata

La Sicilia
Monica Cartia
“Calafiore e la riflessione sul cibo”

Il Venerdì
Calafiore, di Arturo Belluardo

Radical Ging
Davide & Marco
”Io ho fame!” Calafiore di Arturo Belluardo: intervista con l’autore

Rivista Blam!
Valeria Zangaro
Calafiore, il libro di Arturo Belluardo. Mangiare per non essere mangiati: l’obeso della società

Flaneri
Riccardo Romagnoli
Mangiare e conoscere – su “Calafiore” di Arturo Belluardo

Formicaleone
Sara Del Vecchio
Fame primitiva: la storia di Calafiore

Gazzetta di Mantova
Ig. Cip
Calafiore, storia smodata come il suo protagonista obeso e sempre affamato

Genius
Paolo Restuccia
Perché devi leggere Calafiore di Arturo Belluardo

Giornale di Sicilia
Salvatore Lo Iacono
L’obeso e un peccato... capitale

Il Mattino
Generoso Picone
Le conseguenze del cibo

SiracusandoNews.it
S. Bellio
Il “siracusano” Arturo Belluardo, torna con il suonuovo romanzo “Calafiore”edito Nutrimenti. Da domani 11Aprile nelle migliori librerie

Il Libraio.it
“Calafiore”, grottesca riflessione sulla società che mangia fino a divorare sé stessa…

Progetto Italia News
Barbara Lalle

Il rifugio dell’Ircocervo
Angela Marino
Cala, Calafiore!

La Nuova
Calafiore in bilico tra cibo e angoscia

La Sicilia
Solarium Ortigia

Liberi di scrivere
Viviana Filippini

Giornale di Sicilia
Salvatore Lo iacono
Nel museo en pleir air 300 eventi, 98 editori

Modulazioni Temporali
Antonio Conte
”Calafiore”, mangia per non essere mangiato

Nazione Indiana
Giuseppe Schillaci

Sul Romanzo
Stefania Maruelli
Quella fame atavica dell’anima, ”Calafiore” di Arturo Belluardo

Thriller Nord
Sara Pisaneschi

Exlibris20
Marina Lorusso

Radio Capital
Flavia Capone

Fahrenheit
Intervista all’autore

Arturo Belluardo

Arturo Belluardo è nato a Siracusa. Vive e lavora a Roma. Suoi racconti sono apparsi in antologie edite da Nottetempo e dal Goethe‑Institut e sulle riviste Lo Straniero, Mag O, Succedeoggi e Nazione Indiana. Con la sua opera prima, Minchia di mare (Elliot, 2017) è stato finalista al POP 2017, al Premio John Fante e al Premio San Salvo.